Scelti per voi

Il Brasile delle grandi opportunità

I temi macroeconomici hanno influenzato il sentiment degli investitori. Alla luce delle preoccupazioni relative al rallentamento della crescita economia, per esempio, i titoli ciclici sono stati generalmente messi da parte. E oggi molte di queste società sensibili al ciclo economico si trovano a prezzi scontati, e costituiscono quindi buone opportunità.

“Per quanto ci riguarda, abbiamo riallocato parte del capitale investito in aree difensive su settori più ciclici come le materie prime e i finanziari, in particolare le banche – spiega Matthew Vaight, M&G Global Emerging Markets fund – Gli estremi nelle valutazioni sono evidenti anche a livello di singoli Paesi, poiché gli investitori si sono affollati sui mercati più piccoli come il Messico, lIndonesia e la Tailandia. Consideriamo che le valutazioni di questi mercati siano eccessive e, per questa ragione, di recente abbiamo ridotto lesposizione. Daltro canto, cè un sentiment negativo verso i mercati più grandi come la Cina, la Corea e il Brasile, ma crediamo che le preoccupazioni degli investitori sono state più che prezzate”.

Avanti con gli emergenti, dunque.
Oggi crediamo che siano enormi i profitti che si possono ottenere con un approccio di lungo termine basato sui fondamentali. Al momento, ci sono molte sacche di rischio nei mercati emergenti più grandi, come il rallentamento di Brasile e Cina. Tuttavia riteniamo che questi fattori siano più che scontati, e pensiamo che ci siano interessanti opportunità per chi investe con un orizzonte temporale lungo.

Quali i Paesi e i settori da preferire?
In quanto investitori bottom up, guardiamo alle singole società. Ci atteniamo a un approccio concentrato sul valore e guardiamo alle opportunità che presentano quei mercati poco in voga. Per esempio, oggi preferiamo il Brasile al Messico. Il Brasile è stato senza dubbio colpito dalle preoccupazioni sul rallentamento della crescita economica e dallintromissione del governo nelle sue due società più grandi, Vale e Petrobas. Tuttavia, non si può ignorare il fatto che le valutazioni siano drammaticamente crollate. Pensiamo che questo renda il Brasile meritevole di maggiore attenzione. In Brasile, ci sono moltissime società ben gestite con modelli di business buoni e prospettive di crescita positive.

Qualche esempio?
Recentemente, abbiamo investito in Banco Bradesco, una delle banche private più grandi del Paese, e in Brasil Insurance, un broker assicurativo che è impegnato nel consolidamento del mercato. A nostro avviso, si tratta di un modello di business semplice e profittevole in quanto riceve una commissione da ogni contratto assicurativo stipulato, senza maneggiare il denaro dei clienti.

E in Messico?
Anche in Messico ci sono molte aziende di alto livello, ma alle valutazioni attuali, per noi, non costituiscono necessariamente un buon investimento. Stiamo trovando difficoltà nell’individuare società a valutazioni interessanti in questo mercato. Qualche anno fa il Messico era sempre associato a violenze e traffico della droga, oggi tutti sono entusiasti delle riforme intraprese dal governo. Riteniamo che le prospettive del Messico siano ben note, e in quanto investitori contrarian siamo più propensi a cercare valore altrove.