PROMOTORI & CONSULENTI

Assoreti, ad agosto raccolta a 2,7 miliardi

Flussi in frenata rispetto a luglio, zavorrati da polizze e gestioni patrimoniali individuali. Fideuram guida la classifica dei player

Luci e ombre ad agosto per le reti di consulenti finanziari. Il mese viene infatti archiviato con un una raccolta positiva, pari a 2,7 miliardi di euro, ma in flessione rispetto al mese precedente (-10,5%). Guardando i dati diffusi da Assoreti, le scelte di investimento evidenziano una distribuzione equa delle risorse nette tra i due principali comparti d’attività, ma con differenti dinamiche congiunturali.

La raccolta netta sui prodotti del risparmio gestito è infatti pari al 49,7% del totale e registra una riduzione del 27,6%, riconducibile alla flessione dei volumi realizzati sulle polizze assicurative e sulle gestioni patrimoniali individuali, mentre il saldo netto sulla componente amministrata aumenta del 16,6% per effetto delle movimentazioni sugli strumenti finanziari.

Nel dettaglio, la raccolta netta realizzata attraverso la distribuzione diretta di quote di OICR è positiva per 763 milioni di euro: le scelte di investimento continuano a privilegiare i fondi aperti di diritto estero (718 milioni di euro) ed i fondi chiusi mobiliari (50 milioni), mentre sui fondi aperti di diritto italiano continuano prevalere i riscatti seppure in maniera più contenuta (-4,0 milioni). Le risorse destinate al comparto assicurativo ammontano a 496 milioni di euro e coinvolgono principalmente le polizze vita tradizionali (211 milioni) e le unit linked (209 milioni). Il saldo delle movimentazioni effettuate sulle gestioni patrimoniali individuali è positivo per 31 milioni di euro: la raccolta realizzata sulle GPF (78 milioni) compensa ampiamente i disinvestimenti effettuati sulle GPM (-46 milioni).

Il contributo mensile delle reti al sistema di OICR aperti, attraverso la distribuzione diretta e indiretta di quote, pertanto, risulta positivo per circa 1,1 miliardi di euro, pari al 27,1% delle risorse nette totali confluite nel sistema fondi (4,0 miliardi di euro). Da inizio anno l’apporto delle reti sale, così, a 5,3 miliardi di euro ma il bilancio per l’intero sistema fondi aperti resta, comunque, in negativo (-984 milioni di euro). La raccolta netta realizzata sui titoli in regime amministrato è pari a 198 milioni: il saldo delle compravendite è positivo per i titoli azionari (501 milioni di euro), i certificates (222 milioni) e gli exchange traded products (61 milioni), mentre si riscontra la prevalenza delle vendite sugli ordinativi di acquisito sia per i titoli di Stato (-666 milioni) sia per i titoli obbligazionari (-137 milioni). La raccolta di risparmio sotto forma di liquidità è positiva per 1,2 miliardi di euro.

A fine mese i clienti primi intestatari, per il campione di società partecipante all’indagine, salgono a 4,435 milioni. Il numero di consulenti finanziari abilitati all’o.f.s., con mandato dalle società rientranti nell’indagine dell’Assoreti, è pari a 23.179 unità (24.882 unità per l’intera compagine – dato stimato); di questi, 22.909 unità risultano effettivamente operative (con portafoglio > 0).

Quanto ai player, Fideuram (Fideuram, Intesa Sanpaolo Private Banking e Sanpaolo Invest Sim) si conferma ancora al primo posto, dall’inizio dell’anno, per raccolta netta totale con oltre 6,5 miliardi di euro, in testa anche nella classifica di raccolta netta mensile, con oltre 825 milioni di euro, e per risparmio gestito nel mese di agosto, con quasi circa 320 milioni di euro.