OPINIONI

La guerra commerciale non fermerà la ripresa

Un periodo più lungo di incertezza commerciale peserà sulla fiducia delle imprese e sugli investimenti e, a cascata, sulla crescita globale. La ripresa potrebbe quindi concretizzarsi un po’ più tardi

I rischi legati alle tensioni commerciali tra Stati Uniti e Cina si sono riaccesi di nuovo questo mese. Il paradosso è che entrambe le parti si erano mostrate più disposte a raggiungere un accordo sulla scia delle deboli prospettive economiche e delle vendite sul mercato alla fine dell’anno scorso. Tuttavia, il miglioramento dello slancio della crescita e la forza del mercato azionario negli Stati Uniti e in Cina hanno permesso ad entrambi i paesi di adottare nuovamente una posizione più dura sul commercio. Le prospettive di un accordo commerciale bilaterale significativo prima della fine di giugno – qualcosa che i mercati avevano in qualche misura scontato – si sono notevolmente deteriorate negli ultimi giorni, causando una sell off di asset rischiosi e una sottoperformance dei mercati emergenti rispetto a quelli sviluppati.

Nelle settimane precedenti l’annuncio delle nuove tariffe da parte del presidente Trump, l’economia globale stava cominciando a mostrare alcuni cauti segnali di una ripresa della crescita. La riduzione dell’incertezza sotto forma di un accordo commerciale prima dell’estate avrebbe aiutato gli esportatori cinesi, le imprese manifatturiere asiatiche e i produttori europei di beni strumentali e avrebbe stabilizzato la crescita del commercio mondiale, creando spazio per una modesta ripresa economica sia in Asia che in Europa. Ora, la volatilità dei negoziati commerciali significa che la maggior parte dei dati relativi al commercio e alla produzione in Cina e ai suoi fornitori asiatici rimarrà probabilmente debole nei prossimi mesi. Ciò renderà difficile la ripresa dello slancio di crescita dei mercati emergenti.

Tuttavia, dietro la retorica dei governi statunitense e cinese, percepiamo ancora un certo desiderio di accordo da parte statunitense. Questo atteggiamento si riflette nelle recenti osservazioni del Presidente Trump, il quale insiste sul fatto che un accordo nelle prossime settimane è ancora possibile. Data la forza relativa dell’economia statunitense, si potrebbe pensare che abbia il tempo di negoziare più a lungo per trovare un accordo migliore. Una seria correzione del mercato a meno di 18 mesi prima delle elezioni presidenziali del 2020 aumenterebbe infatti la probabilità di una recessione economica proprio prima del voto.

La Cina, d’altro canto, mantiene un approccio più pragmatico e ha adottato solo misure di ritorsione minime, certamente non mirate ad aumentare ulteriormente il conflitto. Anche i cinesi hanno bisogno di un accordo per fermare la recessione produttiva che sta complicando i loro sforzi a lungo termine per portare gradualmente il ritmo di crescita della domanda interna ad un livello più sostenibile. Non vogliono essere costretti ad uno stimolo economico molto più aggressivo, che metterebbe a repentaglio i progressi compiuti nella loro campagna di riduzione della leva finanziaria volta a ridurre i rischi per il sistema. Tutto ciò significa che entrambe le parti hanno ancora buoni motivi per continuare a lavorare per raggiungere un accordo.

Il nostro nuovo scenario base è quello di un periodo più lungo di incertezza commerciale. È probabile che ciò peserà pesantemente sulla fiducia delle imprese e sugli investimenti, che a loro volta peseranno sulla crescita globale. In questo contesto, la ripresa della crescita globale che ci aspettavamo potrebbe concretizzarsi un po’ più tardi. Una nota positiva è che se un accordo diventa meno probabile, la probabilità di un maggiore stimolo politico cinese aumenterà e non dovremmo sottovalutarne l’impatto. Ciò ha iniziato a riflettersi nei dati cinesi e dovrebbe stimolare sia i consumi che la crescita degli investimenti fissi nei prossimi trimestri. In uno scenario di prolungata incertezza commerciale, è improbabile che le autorità cinesi riducano presto queste misure di stimolo. Anche la Fed e la BCE non dovrebbero diventare meno espansive e questo dovrebbe tenere la porta aperta per un allentamento della politica fiscale e/o monetaria in diverse regioni, il che dovrebbe evitare una recessione globale.

A cura di Ewout van Schaick, head of multi asset di NN Investment Partners