Mercati

Il ritorno dei titoli value

Questo nuovo trimestre è iniziato con una rotazione generalizzata in seno alle asset class più rischiose. Dai titoli americani growth ai titoli value, alle azioni dei mercati emergenti.

Tutto ciò dovrebbe far pensare a un ritorno del rischio? “A nostro avviso, non è così – spiega Laurent Roussel, direttore della ricerca di Exane Derivatives – I driver delle asset class rischiose permangono e le banche centrali mantengono un’elevata vigilanza e non esitano a ricordarcelo, compresa la stessa Bce, all’unanimità. Un atteggiamento che è nuovo e che supporta le nostre convinzioni sugli asset value europei”.
Tuttavia, l’asset allocation deve essere reattiva nell’affrontare questi cambiamenti così rapidi e volatili. “La ricerca della convessità rimane fondamentale e la riduzione delle aspettative di rendimento nel corso del 2014 ci impongono più che mai di ricercare in ogni modo l’alpha – conclude Roussel – Infine, e malauguratamente per le nostre imprese e le nostre finanze pubbliche, si sta delineando per i prossimi anni un contesto di lowflation le cui conseguenze devono essere integrate nelle scelte di asset allocation”.