Highlight, PROMOTORI & CONSULENTI

UniCredit, a Vecchi la guida del wealth management in Italia

Da marzo 2020 Vecchi assumerà la carica di ceo di Cordusio Sim e Paolo Langé  diventerà presidente del cda

Stefano Vecchi è il nuovo head of wealth management Italy di UniCredit e farà parte del Group wealth management executive committee, assicurando il presidio delle attività italiane del wealth management. Contestualmente ha assunto l’incarico di consigliere di amministrazione di Cordusio Sim, affiancando il ceo Paolo Langé alla guida della società.

Ciò assicurerà tra l’altro, spiega una nota del gruppo, una transizione ottimale del business fino a marzo 2020, quando Vecchi succederà a Langé come amministratore delegato, mentre quest’ultimo assumerà la carica di presidente del consiglio di amministrazione di Cordusio Sim.

Grazie alla sua consolidata esperienza professionale Vecchi contribuirà significativamente a rafforzare il posizionamento in Italia di UniCredit Wealth Management che, con una forte presenza anche in Germania e in Austria, punta a diventare uno dei top player del settore in Europa.

“L’arrivo di Stefano rappresenta un passo decisivo nel nostro percorso per diventare uno dei principali player nel wealth management in Europa. La sua esperienza, il suo solido percorso professionale, la sua leadership ci consentiranno di rafforzare ulteriormente la nostra strategia di crescita in Italia, iniziata con il decisivo contributo di Paolo Langé, che è riuscito ad affermare in pochi anni Cordusio Sim come uno dei player di riferimento per il wealth management nel Paese”, ha commentato Marco Bizzozero, ceo di Group Wealth Management.

“Sono molto contento che abbiamo individuato una persona di grande spessore e potenziale come Stefano, che mi succederà alla guida di Cordusio. Mi rallegro di poter lavorare con lui nei prossimi mesi per garantire una transizione fluida, assicurare continuità ai nostri clienti e rendere Cordusio ancora più forte, in futuro anche nella mia funzione di presidente. Auguro a Stefano pertanto ogni successo in questo suo nuovo incarico”, ha aggiunto Langé.