ECONOMIA, Highlight

Ecco perché la Fed prende tempo

Secondo Desai di Franklin Templeton, Powell aveva bisogno di ridimensionare le attese sui futuri interventi

In occasione della riunione di politica monetaria di settembre, la Federal Reserve ha tagliato di 25 punti base il suo tasso d’interesse di riferimento, in linea con le attese dei mercati. Le parole del presidente Jerome Powell alla conferenza stampa post-riunione sono state improntate a una maggiore prudenza rispetto al passato e hanno spinto a riflettere, secondo Sonal Desai, cio di Franklin Templeton Fixed Income, che spiega come malgrado la reazione contrariata, di primo acchito, dei mercati, la Fed avesse bisogno di ridimensionare le attese sui futuri interventi in materia di tassi e abbia così compiuto un primo, ragionevole, passo in questa direzione.

Avendo già all’attivo due tagli nel trimestre in corso, Powell ha dichiarato che gli effetti generati da quest’ultimo intervento di politica monetaria si vedranno con gli usuali scarti temporali, prolungati e variabili. Ha inoltre sottolineato che la Fed prevede una crescita stabilmente robusta, un mercato del lavoro sempre solido e un’inflazione in graduale rialzo verso il suo livello target. La Fed ha precisato che continuerà a vigilare sui fattori di incertezza nel commercio e sul recente indebolimento del quadro europeo e cinese. Ciò malgrado, gli Stati Uniti tengono posizione, con solidi livelli di consumi delle famiglie e un atteggiamento cauto da parte delle imprese. Benché la Fed non possa eliminare l’incertezza, Powell si è detto ottimista sul successo degli interventi della banca centrale Usa nel sostenere i consumi di beni durevoli, il settore residenziale e la fiducia di famiglie e imprese.

“In altri termini, la Fed intende comunicare che non c’è motivo di allarmarsi, non siamo alla vigilia di una recessione né dobbiamo aspettarci interventi massicci di allentamento monetario”, afferma Desai, secondo cui in verità, Powell è parso indifferente alle inversioni della curva dei rendimenti, evidenziando come i rendimenti dei Treasury Usa a lungo termine siano diminuiti bruscamente per poi recuperare quasi interamente i livelli precedenti nel giro di pochi giorni. “Ha dichiarato che le oscillazioni nella domanda globale di Treasury Usa e degli umori del mercato giocano un ruolo fondamentale nell’inversione – precisa l’esperto – e che, certamente, la curva dei Treasury non ci dice molto sulle prospettive dell’economia statunitense. Forse non sorprenderà che mi trovi d’accordo con Powell sul punto in oggetto”.

La Fed è pronta ad attuare nuovi interventi, in caso di necessità, ma al momento considera questa misura come una correzione di medio ciclo a sostegno della crescita che produrrà prevedibilmente i suoi effetti nei prossimi mesi e l’anno prossimo. Una possibile conferma al riguardo, secondo Desai, viene dalla spaccatura all’interno del Federal Open Market Committee: due membri con diritto di voto si sono di nuovo espressi in dissenso, difendendo il mantenimento dei tassi attuali, mentre un terzo membro dissenziente si è dichiarato a favore di un taglio di 50 pb.

“Nei mesi precedenti di quest’anno, la Fed era finita spalle al muro, ostaggio delle aspettative di mercato sui tagli dei tassi. Oggi è riuscita a divincolarsi parzialmente da quella situazione, facendo valere meglio le ragioni del suo approccio attendista, in attesa di misurare l’impatto di queste riduzioni dei tassi, e ribadendo che l’economia Usa si mantiene solida”, continua l’esperto.

E secondo Desai, il rapido recupero registrato negli ultimi giorni dal Treasury Usa decennale è un ulteriore segnale del chiaro superamento delle aspettative di un ciclo espansivo di lunga durata da parte dei mercati. “Siamo ancora cauti nell’allungare la duration del portafoglio Usa a questi livelli, in una fase di tenuta dei fondamentali”, evidenzia in conclusione.