ECONOMIA

Pil Usa, rallentamento del 1° trimestre solo temporaneo

La debole crescita del PIL statunitense nel primo trimestre dell’anno probabilmente non resterà un elemento costante; notiamo infatti che i fattori sottostanti relativi alla futura crescita sono incoraggianti. Alla base di questa debolezza ci sono stati due elementi.

Uno è la crescita della spesa da parte dei consumatori, che ha rallentato attestandosi a solo un +0,3%. La seconda debolezza è rappresentata dai dati riguardanti le scorte, che hanno ridotto la crescita globale del PIL di 0,9 punti percentuali. Pensiamo che entrambi questi fattori probabilmente miglioreranno, considerato che la fiducia dei consumatori è ai più alti livelli del ciclo economico, i bilanci delle famiglie sono forti e la crescita delle retribuzioni è in accelerazione, come suggerito dall’indice del costo del lavoro.
Inoltre, lo strascico delle deboli scorte nel primo trimestre è positivo per la crescita nel trimestre attuale e notiamo che secondo l’ultimo sondaggio ISM sul settore manifatturiero, le scorte sono in crescita (a 51 dai precedenti 49). Per quanto riguarda il manifatturiero, il contesto economico resta favorevole, secondo il sondaggio ISM. Notiamo infine che la crescita resta diffusa, con 16 sui 18 settori del manifatturiero che registrano un’espansione.

di Gero Jung, Chief Economist di Mirabaud AM