ECONOMIA

India, da RBI improbabile taglio tassi nel breve periodo

Dopo l’annuncio che la politica fiscale diventerà più prudente, la Reserve Bank of India ha dichiarato che anche la politica monetaria seguirà di pari passo. Contrariamente alle attese degli analisti, l’RBI ha mantenuto i tassi di interesse invariati nell’ultimo meeting.

E ha modificato in maniera significativa la propria posizione in termini di politica monetaria, passando da “accomodante” a “neutra”. Ciò implica che, almeno nel breve periodo, un taglio dei tassi risulterà alquanto improbabile. Quanto ai dati dell’economia reale in India vediamo avvicinarsi un processo di stabilizzazione, mentre a dicembre la produzione industriale ha riportato una contrazione, come segnalato dalle indagini PMI e le vendite di auto che nel mese di gennaio hanno mostrato invece una ripresa a seguito degli effetti sfavorevoli della “demonetizzazione”.
Nel frattempo in Cina il calo di 12 miliardi di dollari nelle riserve valutarie riportato a gennaio continua a indicare una fuga di capitali, anche se si prendono in considerazione eventuali effetti derivanti dal processo di valutazione della divisa. Nel 2016, le riserve cinesi in valuta estera sono calate per un totale di 320 miliardi di dollari, rispetto ai 510 miliardi del 2015.

di Gero Jung, Chief Economist di Mirabaud AM