Uncategorized

DeA Capital S.p.A, i numeri del rendiconto intermedio

Si è riunito in data odierna il Consiglio di Amministrazione di DeA Capital S.p.A., sotto la presidenza di Lorenzo Pellicioli, per l’esame e l’approvazione del Resoconto Intermedio di Gestione al 30 settembre 2018.

Analisi dei Risultati Consolidati al 30 settembre 2018

Al 30 settembre 2018 gli Asset under Management sono risultati pari a oltre 11.400 milioni di Euro, con commissioni attive pari a 45,1 milioni di Euro, in crescita del 3,4% rispetto al 3Q2017, grazie in particolare al contributo del Fondo CCR II.

La Posizione Finanziaria Netta delle Società Holding è positiva per 140,3 milioni di Euro al 30 settembre 2018, rispetto a 61,8 milioni di Euro al 31 dicembre 2017 (rettificata della distribuzione del dividendo straordinario avvenuta a maggio 2018 per circa 30,5 milioni di Euro).

La variazione per +78,5 milioni di Euro è determinata dalla liquidità generata dalle distribuzioni nette dei fondi di Private Equity, che nei primi nove mesi del 2018 sono state pari a oltre 76 milioni di Euro.

Il Net Asset Value (NAV) per azione si è attestato a 1,83 Euro, rispetto a 1,80 Euro al 31 dicembre 2017 (rettificato ai sensi di quanto disposto dal nuovo principio contabile IFRS 15, in vigore dal 1° gennaio 2018, e per la distribuzione del citato dividendo straordinario).

Il NAV complessivo (patrimonio netto di gruppo) è pari a 463,4 milioni di Euro, rispetto a 459,4 milioni di Euro a fine 2017 (anche quest’ultimo rettificato ai sensi di quanto disposto dal nuovo principio contabile IFRS 15, in vigore dal 1° gennaio 2018, e per la distribuzione del citato dividendo straordinario).

Con riferimento agli altri Key Financials

Portafoglio Investimenti. Al 30 settembre 2018 è risultato pari a 322,4 milioni di Euro, di cui partecipazioni di Private Equity per 51,3 milioni di Euro, quote in fondi per 126,4 milioni di Euro e attività nette dell’Alternative Asset Management per 144,7 milioni di Euro.

Risultato Netto di Gruppo. Al 30 settembre 2018 il Risultato Netto di Gruppo si è attestato a +6,9 milioni di Euro, rispetto a +4,9 milioni di Euro al 30 settembre 2017. Si fa presente che il Risultato Netto di Gruppo risulta sostanzialmente allineato al Risultato Complessivo IAS 1 in ragione dell’applicazione, a decorrere dal 1° gennaio 2018, del Principio Contabile IFRS 9.

Si segnala inoltre che a seguito della predetta applicazione tutte le variazioni di fair value degli investimenti finanziari sono registrate a conto economico, mentre venivano in parte registrate a patrimonio netto nel 2017; il confronto a livello di Conto Economico Consolidato tra i primi nove mesi del 2018 e il corrispondente periodo del 2017 non è pertanto significativo con riferimento all’andamento degli Altri proventi / oneri da Investimenti.

Fatti di rilievo intervenuti dopo la chiusura del periodo

In data 28 ottobre 2018 i Consigli di Amministrazione di IDeaMI SPAC (di cui DeA Capital S.p.A. è sponsor e detiene il 9,7% delle azioni complessivamente emesse) e A. Agrati S.p.A. (“Agrati”) hanno approvato l’operazione di business combination. Agrati è uno dei principali produttori mondiali di sistemi di fissaggio nel settore dei componenti per l’industria automobilistica.

In caso di approvazione della business combination da parte delle rispettive Assemblee degli Azionisti, previste il 30 novembre 2018, Agrati sarà incorporata in IDeaMI, che a sua volta cambierà la propria denominazione sociale in Agrati. È previsto che la combined entity resti quotata all’AIM Italia di Borsa Italiana, con l’obiettivo di passare al Mercato Telematico Azionario di Borsa Italiana, preferibilmente nel Segmento STAR, e che, conseguentemente alla fusione, Agrati benefici di nuove risorse finanziarie, sino a 175 milioni di Euro, per i propri piani di sviluppo, anche attraverso linee esterne.

Proposta di annullamento di n. 40.000.000 azioni proprie

DeA Capital S.p.A. informa che, a seguito degli acquisti di azioni proprie effettuati e della maturazione dei diritti di voto doppi sulle azioni detenute dalla controllante De Agostini S.p.A., il flottante è sceso al di sotto della soglia minima prevista dalle Istruzioni al Regolamento dei Mercati organizzati e gestiti da Borsa Italiana per la permanenza della Società sul segmento STAR del Mercato Telematico Azionario.

Ai fini del ripristino della suddetta soglia, è stata approvata dal C.d.A. della Società una soluzione articolata come segue: (i) rinuncia da parte della controllante De Agostini S.p.A. al diritto di voto maggiorato sul 50% delle azioni possedute e (ii) riduzione del capitale sociale mediante annullamento di 40.000.000 azioni proprie in portafoglio.

Quest’ultimo si inquadra, altresì, nella prospettiva di eliminare azioni proprie non più funzionali alle esigenze della Società. E’ previsto che la suddetta proposta di annullamento di n. 40.000.000 azioni proprie sia sottoposta all’esame degli Azionisti in sede straordinaria in occasione dell’Assemblea chiamata ad approvare il Bilancio d’Esercizio al 31 dicembre 2018 (indicativamente nell’aprile 2019).

Si segnala che la controllante De Agostini S.p.A. ha già rinunciato, con comunicazione ricevuta in data odierna, al diritto di voto maggiorato sul 50% delle azioni possedute, nonché si è impegnata a votare a favore della proposta di annullamento di n. 40.000.000 azioni proprie. Si fa presente che il predetto annullamento non ha effetti economici / patrimoniali su Risultato Netto, NAV Complessivo, NAV per Azione della Società e Posizione Finanziaria Netta.

Prevedibile evoluzione della gestione

In relazione alle attività di Private Equity Investment e di Alternative Asset Management prosegue rispettivamente il lavoro di valorizzazione degli investimenti in portafoglio e di sviluppo delle attività relative alle SGR, in linea con quanto già annunciato.

In termini patrimoniali, DeA Capital S.p.A. continuerà a mantenere una solida struttura finanziaria, assicurando al contempo interessanti ritorni di cassa agli Azionisti, in primis dividendi, tenuto conto della liquidità disponibile.