INVESTIMENTI

Nordea celebra dieci anni di investimenti in soluzioni climatiche

Nordea celebra dieci anni di investimenti in soluzioni climatiche Il Nordea 1 – Global Climate and Environment Fund festeggia il suo decimo compleanno all’insegna della solidità e della continuità, con un patrimonio gestito che ha recentemente sfondato quota 800 milioni di euro.

Lanciato il 13 marzo 2008, questo fondo azionario tematico è stato tra i primi ad investire nell’area del cambiamento climatico e della protezione ambientale. Con un coppia stabile di gestori alla guida, Thomas Sørensen e Henning Padberg, il fondo mira a generare rendimenti interessanti cavalcando il mega-trend climatico e ambientale. L’universo di investimento in questo ambito è sempre più vasto e ricco di società che contribuiscono a trovare nuove soluzioni per contrastare il cambiamento climatico e il degrado ambientale. Nello specifico, stiamo parlando di: efficienze delle risorse, protezione ambientale e energie rinnovabili.
L’attenta selezione delle società su cui puntare viene operata seguendo un approccio bottom-up e di high conviction che si traduce in una scelta di titoli che per la maggior parte si colloca al di fuori dei benchmark tradizionali. “Investiamo in aziende vincitrici da un punto di vista strutturale. Compriamo titoli di società che sviluppano soluzioni a beneficio e dell’ambiente e dei loro clienti, muovendo così il mondo nella giusta direzione”, commenta Padberg.
“La realtà è che il numero di aziende che tentano di abbracciare questo tipo di soluzioni è in continuo aumento e questo lascia spazio a opportunità di investimento incredibili”, aggiunge Sørensen. “Gli investitori sono sempre più sensibili alle tematiche ambientali, ma allo stesso tempo non vogliono sacrificare i rendimenti”, conclude Christophe Girondel, responsabile della distribuzione Institutional e Wholesale di Nordea Asset Management.
“Il Nordea 1 – Global Climate and Environment Fund è una soluzione questo dilemma; è stato pensato e studiato per generare alfa, investendo in società che applicano il loro talento e la loro capacità di innovazione per fare la differenza”.