INVESTIMENTI

Btp Italia, via al collocamento. Tasso minimo al 2,15%

Partirà domani la seconda e ultima emissione 2013 del Btp Italia indicizzato all’inflazione italiana (indice Foi, senza tabacchi – indice dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati, al netto dei tabacchi).

Il Ministero dell’Economia e delle Finanze fa sapere che l’emissione avrà luogo mediante la raccolta di ordini d’acquisto degli investitori sul Mot (il mercato telematico delle obbligazioni e titoli di Stato di Borsa Italiana), attraverso Bnp Paribas e Monte dei Paschi di Siena Capital Services Banca per le Imprese, dal 5 all’8 novembre 2013, salvo chiusura anticipata (il Mef si riserva la possibilità, per una migliore gestione delle scadenze future, di anticipare la chiusura del collocamento terminandola eventualmente anche alle ore 14 del giorno mercoledì 6 novembre 2013, ovvero a metà della seconda giornata di sottoscrizione).
Il tasso cedolare (reale) annuo minimo garantito è pari a 2,15 per cento. Il tasso cedolare (reale) annuo definitivo sarà fissato al termine del periodo di raccolta degli ordini e non potrà essere inferiore al tasso cedolare (reale) annuo minimo garantito. La data di regolamento di tutti gli ordini di acquisto è unica e coincide con quella di godimento. Il numero indice dell’inflazione calcolato alla data di godimento e regolamento del titolo è 107,45333, mentre il codice Isin del titolo è  IT0004969207.
Sul sito del Ministero dell’Economia e delle Finanze (www.tesoro.it) sono disponibili delle brevi video-guide, realizzate da personale del Dipartimento del Tesoro, che illustrano le caratteristiche del titolo, le modalità di acquisto, le date del collocamento e altre informazioni relative al Btp Italia.
Da segnalare che nelle passate quattro emissioni i Btp Italia sono stati sottoscritti per un ammontare complessivo di oltre 44 miliardi di euro.